Download
Vincenzo Abbati.pdf
Documento Adobe Acrobat 96.1 KB

 

  Vincenzo Abbati 

Napoli, 1803 – Firenze,1866

 

Dopo aver frequentato la scuola di scenografia, si iscrive al Regio Istituto di Belle Arti. Divine pittore dei corte della figlia di Francesco I, Carolina di Borbone. Nel 1842 si trasferisce a Firenze e dopo a Venezia, dove partecipa alle annuali esposizioni dell'Accademia di Belle Arti con vedute prospettiche.  Dopo il 1856 rientra a Napoli con il figlio Giuseppe anch'egli pittore e vi rimarrà fino al 1859. Tra le sue opere, vanno ricordate: il Monumento tombale di Don Pedro, nella Cattedrale di Palermo; Coro di frati in Sant'Efremo a Napoli, Interno della Chiesa dei Frari; Cappella di Minutolo, Grotta di Posillipo, Veduta di Carpi al chiaro di Luna. 

 

Bibliografia

 

Dizionario Biografico degli Italiani, ad vocem, vol. 1, Roma 1960

Agostino Mario Comanducci, Dizionario illustrato dei pittori e incisori italiani moderni, Vol. 1, Milano 1962