Download
RENATO COMINETTI.pdf
Documento Adobe Acrobat 69.9 KB

Renato Cominetti

(Napoli 25 luglio 1915 – Roma 2 novembre 2005)

 

 

Renato Cominetti, attore, doppiatore e direttore del doppiaggio. A Napoli inizia la sua attività di attore teatrale, dopo la guerra si trasferisce a Roma e nel 1947 entra in RAI, nella Compagnia di Prosa di Radio Roma,accanto ad attori come Gianfranco Bellini, Franco Becci e altri. Dopo qualche anno entra nella Compagnia del Teatro Comico Musicale sempre di Radio Roma, con Antonella Steni, Renato Turi, Fausto Tommei e altri. Alla fine degli anni quaranta inizia la sua carriera da doppiatore, presso l’ODI di Carlo D’Angelo e dopo alla A.R.S. e poi alla S.A.S.

 

Doppiaggio

 

Daisuke Katò, in Rashmon, 1951

 

Tiberio Murgia, ne I soliti ignoti, 1958

 

Jean-Paul Belmondo, in Lo spione, 1963

 

Prosa radiofonica RAI

 

Giovanna D'Arco, di Charles Peguy, regia di Anton Giulio Majano,1950

 

L'uomo della luce, di Corrado D'Errico, regia di Guglielmo Morandi,1950

 

Ricordo la mamma, di John Van Druten, regia di Anton Giulio Majano,1951

 

Anche il più furbo ci può cascare, di Aleksandr Ostrovskji, regia di Pietro Masserano Taricco, 1956

 

Il marescalco, di Pietro Aretino, regia di Giorgio Bandini,1961

 

 

 

Filmografia

 

I sette contadini, documentario intervista di Alcide, padre dei sette fratelli Cervi; Cominetti è la voce narrante, regia di Elio Petri,1957