Download
Marinai senza stelle.pdf
Documento Adobe Acrobat 95.7 KB

Marinai senza stelle

 

Trama:

 

Alcuni ragazzi si imbarcano per una crociera istruttiva su due brigantini come “marinai-ragazzi”, perciò senza stellette o “senza stelle ) come da titolo).

 

Ma viene impartito l'ordine di rientrare, nella imminenza della guerra.

Le imbarcazioni, allora, attraccano in un porticciuolo presso Trieste e i viaggiatori scendono e sono alloggiati in un castello. I brigantini vengono rimorchiati, ma due ragazzi clandestinamente salgono a bordo infiltrati su navi da guerra e arrivano a Trieste, dopo aver subito un attacco aereo. Le vicende  dei due ragazzi costituiscono un pretesto per un film corale.

 

Note cinematografiche

 

Titolo Orignale: Marinai senza stelle

 

Paesi di produzione: Italia

 

Anno: 1943

 

Durata: 90 minuti

 

Colore: B/N

 

Audio : Sonoro

 

Genere: avventura

 

Regia: Francesco De Robertis

Sceneggiatura: Francesco De Robertis

Casa di Produzione: Scalera film

 

Distribuzione : Ici

 

Fotografia; Romolo Garroni, Carlo Bellero

 

Montaggio: Francesco De Robertis

 

Musiche: Annibale Bizzelli

 

Attori

 

Antonio Gandusio

 

Cesarina Gheraldi

 

Tito Stagno

 

Anselmo Anselmi

 

Note

 

De Robertis invita alla pacificazione, premessa necessaria per una lotta contro il nemico. L'identità del nemico è mutevole, passa dalla versione del 1943 a quella del 1949. Nell'intenzione originaria il combattimento finale impegnava le torpediniere italiane contro gli alleati angloamericani; nel rimontare il film nel dopoguerra, De Robertis sposta cronologicamente l'episodio, lo colloca dopo l'8 settembre e sostituisce qualche fotogramma, inserendo uno stuka tedesco che attacca le navi italiane, al posto di aerei inglesi. Un film del cinema di propaganda fascista  diviene una pellicola che inneggia alle nuove libertà. Ma l'atmosfera, il cameratismo, i rituali militari, l'orgoglio nazionale tradiscono l'ideologia "antica" (valori cardine del regime) e il finale appare un'aggiunta posticcia, necessaria per permettere al film di circolare nella nuova Italia repubblicana.