Download
GIOVANNI GRASSO JUNIOR.pdf
Documento Adobe Acrobat 96.1 KB

       Giovanni Grasso Junior 

             (Catania11 novembre 1888 – Catania 3 maggio 1963)

 

 

L’attore Giovanni Grasso, nasce a Catania, figlio di teatranti, è cugino dell’omonimo Giovanni Grasso. Per non essere confuso col cugino, all’inizio della carriera aggiunge la definizione Junior. Con la moglie Virginia Balistrieri, attrice del cinema muto, forma le prime Compagne teatrali, e diventa primo attore, con Nino Martoglio, nel Teatro Mediterraneo. Il debutto cinematografico avviene nel 1932, col film La telefonista, di Nunzio Malasomma; reciterà inoltre 60 film, fino a Totò e Carolina, di Monicelli.

 

Muore a Catania nel 1963.

 

 Filmografia 

 

 

La telefonista, di Nunzio Malasomma, 1932

 

Vecchia guardia, di Alessandro Blasetti, 1934

 

Porto di Amleto Palermi, 1935

 

Sentinelle di bronzo, di Romolo Marcellini, 1937

 

Sotto la croce del sud, di Guido Brignone, 1938

 

Piccoli naufraghi, di Flavio Calzavara, 1939

 

Traversata nera, di Domenico Gambino, 1939

 

La grande luce, di Carlo Campogalliani, 1939

 

Terra di nessuno, di Mario Baffico, 1939

 

Retroscena, di Alessandro Blasetti, 1939 I figli della notte, di Aldo Vergano, 1939 Piccolo hotel, di Piero Ballerini, 1939

 

La conquista dell’aria, di Romolo Marcellini, 1940

 

Il signore della taverna, di Amleto Palermi, 1940

L’uomo della legione, di Romolo Marcellini, 1940

 

Il segreto di Villa Paradiso, di Domenico Gambino, 1940

Mare, di Mario Baffico, 1940

 

Il ladro, di Anton Germano Rossi, 1940

 

La leggenda azzurra, di Giuseppe Guarino, 1941 Voglio vivere così, di Mario Mattoli, 1941 Ragazza che dorme, di Andrea Forzano, 1941

 

Il vetturale del San Gottardo, di Hans Hinrich, Ivo Illuminati, 1942 Don Cesare di Bazan, di Riccardo Freda, 1942

 

Noi vivi, di Goffredo Alessandrini, 1942

 

Addio Kira!, di Goffredo Alessandrini, 1942

 

Luisa Sanfelice, di Leo Menardi, 1942

 

Quarta pagina, di Nicola Manzari, 1943

 

Due cuori fra le belve, di Giorgio Simonelli, 1943

Buongiorno, Madrid!, di Max Neufeld, 1943

 

Il fanciullo del West, di Giorgio Ferroni, 1943

 

Chi l’ha visto?, di Goffredo Alessandrini, 1943

 

Il cappello del prete, di Ferdinando Maria Poggioli, 1944 La porta del cielo, di Vittorio De Sica, 1944

All’ombra della gloria, di Pino Mercanti, 1945

 

I dieci comandamenti, di Giorgio Walter Chili, 1945 La grande aurora, di Giuseppe Maria Scotese, 1947 

Eleonora Duse, di Filippo Walter Scotese, 1947

 

Il passatore, di Duilio Coletti, 1947

 

Il principe ribelle, di Pino Mercanti, 1947

 

Malacarne, di Pino Mercanti, 1947 

Legge di sangue di Luigi Capuano, 1948

 

Sono io l’assassino, di Roberto Bianchi Montero, 1948 

Anni difficili, di Luigi Zampa, 1948

La figlia del peccato, di Armando Grottini, 1949

Margherita da Cortona, di Mario Bonnard, 1949

 

Vento d’Africa, di Anton Giulio Majano, 1949

 

Benvenuto reverendo!, di Aldo Fabrizi, 1950

 

Rondini in volo, di Luigi Capuano, 1950

 

Gli inesorabili, di Camillo Mastrocinque, 1950

 

Serenata tragica, di Giuseppe Guarino, 1951 

La famiglia Passaguai, di Aldo Fabrizi, 1951

 

L’ultima sentenza, di Mario Bonnard, 1951

 

Clandestino a Trieste, di Guido Salvini, 1951

 

Altri tempi – Zibaldone n°1, di Alessandro Blasetti, 

1952 Melodie immortali, di Giacomo Gentilomo, 1952 

Città canora, di Maria Costa, 1952

 

Una croce senza nome, di Tullio Covaz, 1952 

Gli innocenti pagano, di Luigi Capuano, 1952

 

Cuore di spia, di Renato Borraccetti, 1953 

Anni facili, di Luigi Zampa, 1953

 

Vacanza d’amore, di Jean-Paul Le Chanois, 1954 Questa è la vita, di Aldo Fabrizi, 1954 Totò e Carolina, di Mario Monicelli, 1955

 

Bibliografia 

 

Catalogo Bolaffi del cinema italiano, 1945/1955

 

1993 Gli attori, Gremese editore, Roma, 2003