Pietro Canonica

 

( Moncalieri 1°Marzo 1869 – Roma, 8 giugno 1959)

 

Allievo dello scultore Odoardo Tabacchi. A sole 17 anni vinse un premio per la statua intitolata Novizia, divenendo famoso subito per la sua capacità di realizzare sculture molto realistiche. Altre opere principali sono: Lo scavatore, Le comunicande e la statua dedicata all’ultimo Zar di tutte le Russie, quest’ultima distrutta durante la rivoluzione bolscevica del 1917 – 1918. La statua Le comunicande è estremamente realistica. Realizzò ed ideò anche dei mausolei e tombe monumentali ed artistiche. Ebbe intenzione di realizzare il corredo statuario del Vittoriano, ma la sua entrata in politica gli impedì di ultimare l’opera. Le statue nella parte alta destra del monumento romano sono sue. Ispirandosi alla scultura pietistica seicentesca, realizzò opere di successo, quali un Cristo Flagellato a sangue, un Cristo crocifisso e un Cristo deposto. Fu anche autore di opere liriche: La sposa di Corinto (da una ballata di Goethe); Medea (dalle tragedie omonime di Euripide e Seneca); Sacra Terra ispirata all’Eneide di Virgilio; Miranda (da Shakespeare).

 

La casa romana La Fortezzuola, compresa nel parco di Villa Borghese, dove egli visse fino alla morte, gli fu donata nel 1926 dal comune di Roma; in essa ora si trova il Museo Canonica. Qui, tra le altre cose, in una sala al pianoterra è conservato il suo studio, con una copia delle stele per il monumento a Paisiello, una delle sue ultime opere, e tutti gli strumenti di lavoro. Ebbe anche una casa e uno studio a Vetralla, ove curò la fusione di parecchie sue opere in bronzo. Ebbe una dimora pure a Venezia: si tratta dalla nero rinascimentale “Palazzina Canonica”, situata in Riva dei Setti Martiri,( Sestiere di Castello) che egli fece costruire nel 1911; successivamente la donò al CNR ( Consiglio Nazionale delle Ricerche)

 

 

 

 

Opere

Monumento a Giuseppe Manno nei giardini pubblici di Alghero 1894 Statua di S. Paolo nella Cattedrale di Messina.

 

Soldato a cavallo a Torino, in Piazza Castello.

 

Statua di dolente a Moncalieri, interno della cappella Dellachà Busto di Cristo ad Alba,nella Chiesa di Santa Maria Maddalena.

Monumento ai caduti della guerra 1915 -18, nella Villa Comunale di Chieti

 

 

 

 

 

Bibliografia

 

Gianluca Orsola ( a cura di ), Dal mito classico all’elaborazione poetica di Pietro Canonica

 

Edizione Associate Editrice Internazionale, Roma 2002

Elena Lissoni,Pietro Canonica, catalogo Online Artgate della Fondazione Cariplo, 2010