Download
Bice Valori.pdf
Documento Adobe Acrobat 84.3 KB

 

Bice Valori

( Roma, 13 maggio 1927 – 17 marzo 1980 )

 

 

Figlia del giornalista Aldo Valori (1882 / 1965 ), e sorella dell’urbanista Michele Valori, si diplomò all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica di Roma, e nella stessa città conseguì successivamente la laurea in lettere. In Accademia la giovanissima attrice conobbe Paolo Panelli, con il quale avrebbe instaurato un lungo e proficuo e sodalizio sia artistico che affettivo. Dal loro matrimonio è nata, nel 1957, la figlia Alessandra, anch’ella attiva in campo artistico. Dotata di un‘istintiva verve e di uno spiccato senso umoristico, Bice Valori fu impegnata dapprima in radio. Tra il 1949  e il 1951 fece parte del cast della celebre rivista radiofonica La Biscarda di Garinei e Giovannini, come componente della Compagnia del Teatro Comico musicale di Radio Roma, successivamente anche nella Compagnia di Prosa, sempre di Roma. Nel 1950 è Maria ne la Dodicesima notte di Willian Shakespare  per la regia di Orazio Costa, con Giorgio De Lullo, Renzo Giovampietro, Mario Gallina, Camillo Pilotto, Panelli, Salvo Randone, Gualtiero Isneghi, Francesco Mulè, Nino Manfredi, Gianrico Tedeschi, Rossella Falk ed Anna Proclemer al Castello di San Giusto per il Teatro Verdi (Trieste).  A partire dai primi anni cinquanta, l’attrice cominciò a lavorare con successo nel teatro di rivista. Tra i numerosi spettacoli ricordiamo Controcorrente, Senza Rete, Oh quante belle fighe madame Dorè, quest’ultimo insieme al caro amico Walter Chiari. Il vero successo arrivò grazie alla televisione. Saia da sola che insieme al marito Paolo Panelli, Bice Valori, fu protagonista di numerosi lavori televisivi, quasi sempre di genere brillante. E’ stata spumeggiante ed ironica intrattenitrice  in famosi verità come Doppia Coppia, di cui si ricorda il suo esilarante personaggio della centralinista della Rai, Speciale per noi, insieme a Paolo Panelli , Aldo Fabbrizi , Ave Ninchi, e dopo un’assenza di qualche anno per impegni teatrali, Ma che sera. Notevoli le sue partecipazioni alle commedie musicali firmate da Garinei e Giovannini, tra cui Rugantino, con Nino Manfredi, e Aldo Fabrizi, e due fortunate produzioni accanto al marito Paolo Panelli, Aggiungi un posto a Tavola, Accendiamo la lampada. Nel 1978 fece nuovamente parte del cast di Rugantino, nello stesso ruolo di Eusebia, sorella del protagonista stavolta interpretato da Enrico Montesano. 

 

Prosa Rai 

 

Ricordo la mamma di John Van Druten, regia di Anton Giulio Majano, trasmessa il 18 ottobre 1951.

 

Prosa Rai televisiva: 

 

Catene di Allan Langdon Martin, regia di Anton Giulio Majano, Trasmessa il 20 giugno 1955

 

La pace coniugale, regia di Luciano Mondolfo, trasmessa il 27 dicembre 1956

 

Il pittore esigente, regia di Luciano Mondolfo, trasmessa il 19 febbraio 1957

 

Il giornalino di Gian Burrasca, regia di Lina Wurtmüller, 1964

 

L’eredità di Noël Coward, regia di Carlo Di Stefano, trasmesso il 3 ottobre 1967

 

L’alba, il giorno e la notte di Dario Niccodemi, regia Luciano Mandolfo, con Paolo Panelli, ed Elio Pandolfi, trasmessa il 6 gennaio 1970

 

Filmografia

 

E’ più facile che un cammello …., regia di Luigi Zampa (1950)

Sette ore di guai, regia di Metz e Marchesi (1951)

Anema e core, regia di Mario Mattoli , (1951)

Accidenti alle Tasse!, regia di Mario Mattoli (1951)

Totò terzo uomo, regia di Mario Mattoli (1951)

Inganno, regia di Guido Brignone (1952)

Siamo tutti inquilini, regia di Mario Mattoli  (1953)

La domenica della buona gente, regia di Anton Giulio Majano (1953)

I tre ladri, regia di Lionello De Felice (1954)

Il matrimonio, regia di Antonio Petrucci (1954)

Papà  Pacifico, regia di Guido Brignone )1954)

La moglie è uguale per tutti, regia di Giorgio Simonelli (1955)

La bella di Roma, regia di Luigi Comencini ( 1955)

Bravissimo, regia di Luigi Filippo D’Amico (1955)

La zia d’America va a sciare, regia di Roberto Bianchi Montero (1957)

Il momento  più bello, regia di Luciano Emmer (1957)

Susanna tutta panna, regia di Steno,(1957)

Mia nonna poliziotto, regia di Steno( 1958)

Caporale di giornata, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1958)

Le dritte, regia di Mario Amendola (1958)

Guardatele ma non toccatele, regia di Mario Mattoli ( 1959)

Psicanalista per signora, regia Jean Boyer ( 1959)

Noi duri, regia di Camillo Mastrocinque (1960)

Le signore, regia di Turi Vasile, (1960)

Caccia al marito, regia di Marino Girolami (1960)

Ferragosto in bikini, regia di Marino Girolami (1960)

Scandali al mare, regia di Marino Girolami ( 14960)

5 marines per 100 ragazze, regia di Mario Mattoli (1961)

Mariti al congresso, regia di Luigi Filippo D’amico (1961)

Maciste conto Ercole nella valle dei guai, regia di Mario Mattoli (1961)

Adultero lui, adultera lei, regia di Raffaello Matarazzo (1963)

Le motorizzate, regia di Marino Girolamani ( 1963)

Oltraggio al pudore, regia di Silvio Amadio (1964)

7-9-18 da Parigi un cadavere per Rocky (1964)

Amori pericolosi, episodio “La domestica”, regia di Alfredo Giannetti (1964) 

La sedicenni, regia di Luigi Petrini (1965)

Rita la zanzara, regia di Lina Wertmüller  (1966)

Non stuzzicate la zanzara regia di Lina Wertmüller  (1967)

La bisbetica domata, regia di Franco Zeffirelli, (1967)

Il medico della mutua, regia di Luigi Zampa (1968)

Lisa dagli occhi blu, regia di Bruno Corbucci ( 1969)

Il suo nome è Donna Rosa, regia di Ettore Maria Fizzarotti ( 1969) 

Gli infermieri della mutua, regia di Giuseppe Orlandini, 1969

Mezzanotte d’amore, regia di Ettore Maria Fizzarotti ( 1970)

 

Teatro

 

Don  Giovanni o il Convitato di pietra di Molière, regia di Orazio Costa, con Nino Manfredi, Tino Buazzelli, e Paolo Panelli, 4 febbraio 1949

 

Invito al castello di Jean Anouilh, regia di Orazio Costa, 28 gennaio 1950

 

La  leggenda di Liliom, di Ferenc Monlnàr, regia di Orazio Costa, Nino Manfredi, Tino Buazzelli e Paolo Panelli, 1950

 

La Dodicesima notte, di Shakespeare, regia di Orazio Costa, Nino Manfredi, Anna Proclemer, Paolo Panelli, 29 luglio 1950

 

Le case del vedovo, di Geroge Bernard Shaw, regia di Orazio Costa, con Nino Manfredi, e Tino Bauzzelli, 12 gennaio, 1951

 

Il Ventaglio di Carlo Goldoni, regia di Alfredo Zennaro, con Tino Buazzelli, 3 febbraio1951

 

La bella Rombière, di Guillaume Clervers, regia di Georges Vitaly, con Paolo Panelli, Elio Pandolfi,  e Tino Buazzelli, marzo, 1952

 

Tre atti unici ( I morti non fanno paura , il Successo del giorno, L’amicizia), di Eduardo De Filippo, regia di Eduardo De Filippo, 10 maggio 1952

 

Controcorrente di Vittorio Metz e Marcello Marchesi, con Walter Chiari, Domenico Modugno, Paolo Panelli, e Gino Bramieri, 1953

 

Senza Rete, di Alberto Bonucci, e Paolo Panelli,con Monica Vitti e Francesco Mulè, 1954

 

O quante belle figlie Madama Dorè di Italo Terzoli, con Walter Chiari, 1955

 

I Ragazzi della Signora Gibbson, di Will Glickman, Joseph Stein, regia di Luchino Visconti, con Rina Morelli e  Paolo Stoppa, 1958

 

Rugantino, di Pietro Garinei e Sandro Giovannini, con Nino Manfredi, Aldo Fabrizi, e Toni Ucci, 1962

 

La bottega del Caffè, di Goldoni, regia di Giuseppe Patroni Griffi, con Paolo Panelli, e Mariano Rigillo, 1967

 

Niente sesso siamo inglesi, A. Marriot diretto da Pietro Garinei e Sandro Giovannini, con Johnny Dorelli, Alida Chelli, e Paolo Panelli, 1973

 

Accediamo la lampada, di Garinei, e Giovanini, con Johnny Dorelli, Paolo Panelli, Elio Pandolfi, 1980

 

 

Bibliografia

 

Le Teche Rai, prosa Televisiva 1954 -2006

 

Il Radiocorriere, fascicoli Vari

 

Enrico Lancia e Roberto Proppi, Le Attrici, Gremese, Editore, 2003, pag.360

 

Albo Bernardini, Nino Manfredi, Gremese, Editore 1999